Mauro D'Acri

La “cinque giorni” della Commissione Europea in Calabria su Agricoltura e PSR

La “cinque giorni” della Commissione Europea in Calabria su Agricoltura e PSR

La “cinque giorni” della Commissione Europea in Calabria su Agricoltura e PSR

Ottimi riscontri dall’audit della Commissione Europea sulle Misure a superficie del PSR Calabria

Si è conclusa questa mattina la “cinque giorni” della Commissione Europea in Calabria, per l’audit con il Dipartimento Agricoltura e l’organismo pagatore Arcea relativo alla verifica delle procedure amministrative, di controllo e di pagamento delle Misure a superficie del PSR Calabria.

Commissione Europea

Commissione Europea

Decisamente positivo l’esito dell’audit, al termine del quale, i rappresentanti della Commissione Europea, Tomasz May, Michel Papadi e Maura Cordovani, dell’Unità J.4 Dg Agri, si sono detti molto soddisfatti dal punto di vista della qualità delle procedure adottate dal Dipartimento Agricoltura nell’ambito delle Misure 211 “Indennità compensative degli svantaggi naturali a favore degli agricoltori delle zone montane”, 212 “Indennità compensative degli svantaggi naturali a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane” e 214 “Pagamenti agro-ambientali”, evidenziando l’importante riduzione del tasso di errore dei vari procedimenti adottati dalla Regione Calabria, che è andata addirittura al di là delle aspettative della stessa Commissione.

Ha inteso ringraziare i funzionari della Commissione Europea, il Dirigente Generale reggente del Dipartimento Agricoltura Carmelo Salvino, per la puntualità e la chiarezza delle osservazioni sulle Misure a superficie del PSR Calabria.

PSR Calabria

PSR Calabria

“Sono certo che le indicazioni della Commissione – ha affermato il DG – ci consentiranno di adottare i giusti correttivi per ridurre ulteriormente i tassi di errore delle procedure del Dipartimento che ho l’onore di guidare. Sono altresì convinto che sia il Dipartimento che Arcea forniranno in tempi brevi le opportune risposte alla Commissione. Ritengo che questi incontri di audit – ha aggiunto Salvino – siano positivi per l’intero sistema, perché consentono alla Regione Calabria di ricevere un fondamentale feedback circa le proprie azioni amministrative, ed alla Commissione Europea di appurare che le risorse comunitarie vengano utilizzate ed utilizzate nella giusta maniera. La nostra intenzione – ha concluso – è quella di migliorare sempre di più il livello qualitativo della nostra agricoltura, proprio attraverso il prezioso supporto della Commissione e del PSR”.

Ha portato invece i saluti del Presidente Mario Oliverio alla Commissione, il Consigliere Regionale Mauro D’Acri, anche lui presente alla riunione dell’audit, che ha affermato che l’attuale amministrazione crede in maniera particolare nell’agricoltura, settore ritenuto strategico per l’economia regionale e su quale si intende investire in maniera importante.

“Siamo soddisfatti dei controlli che la Commissione Europea effettua in Calabria – ha precisato – non solo per gli esiti ottenuti, ma anche perché è molto importante rendere note oltre i confini regionali e nazionali le cose buone che si fanno nella nostra terra”.

Nei giorni scorsi, inoltre, i rappresentanti della Commissione Europea, hanno scelto e visitato tre aziende agricole calabresi, per verificare in loco l’effettiva qualità della nostra agricoltura. Molto soddisfacenti anche gli esiti dei sopralluoghi, in quanto a detta degli stessi funzionari CE, è emersa l’effettiva qualità dell’agricoltura calabrese, nonché la professionalità degli imprenditori e degli operatori.

All’incontro conclusivo, erano presenti, tra gli altri, l’Autorità di Gestione del PSR Calabria Alessandro Zanfino, il Dirigente del settore “Sviluppo rurale” Giovanni Aramini ed il Direttore di Arcea Maurizio Nicolai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *