Mauro D'Acri

Da Quotidiano del Sud – La qualità della “Signora in rosso”

Da Quotidiano del Sud – La qualità della “Signora in rosso”

Da Quotidiano del Sud – La qualità della “Signora in rosso”

Da Quotidiano del Sud del 1 novembre 2015, a firma di Vittoria Saccà

Il precipuo obiettivo è quello di farla conoscere in Italia e in Europa. Forum sulla cipolla tipica della zona organizzato dal Consorzio di tutela

TROPEA – Un forum sulla cipolla rossa di Tropea Calabria, col marchio Igp, è stato organizzato dal Consorzio di tutela, presieduto da Antonio Veltri e diretto da Simone Saturnino.

L’obbiettivo è stato quello di suscitare l’attenzione delle testate giornalistiche che si occupano di gastronomia. Così, l’evento, tra l’altro legato ad Expo e Territori, si è svolto in vari momenti tra cui la degustazione del prodotto e una tavola rotonda che si è svolta nell’accogliente sala Print Academi di “Arti Grafiche Romano”. Presenti all’evento, quindi, giornalisti giunti da diversi luoghi della Nazione che presso l’Hotel Tropis di Antonio Mamone, hanno preso parte alla cena di benvenuto curata dallo Chef pluridecorato Gaetano Alia di Castrovillari, il quale ha presentato loro piatti accomunati da un unico e straordinario ingrediente che è la “Cipolla Rossa di Tropea”.

La qualità della "Signora in rosso"

La qualità della “Signora in rosso”

Gli interventi, moderati dalla giornalista Emily Casciaro, hanno avuto inizio con Mario Romano che oltre ad essere amministratore unico della Romano Arti Grafiche, è presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Unindustria Calabria. In lui la soddisfazione nell’ospitare un forum nel quale si parla di un prodotto che descrive tutta la forza della nostra terra. Maurizio Caruso Frezza, di Unionecamere Calabria, ha portato i saluti di Lico, ringraziando i promotori della cipolla; una squadra partita bene e che deve dare continuità al suo operato, con sequenzialità. II consigliere Antonino Valen ha portato i saluti della città di Tropea da parte del sindaco Giuseppe Rodolico.

E’ stata la volta di Adelmo Mannarino che, in sostituzionedel sindacodi Amantea Monica Sabatino, ha salutato i presenti sottolineando l’importanza della cipolla per tutto il loro comprensorio, nonché la vicinanza dell’amministrazione agli imprenditori perché la cipolla è un prodotto unico e nessuno può copiarlo. Presente al forum anche Alberto Statti, presidente di Confagricoltura Calabria. La parola è passata al presidente Veltri che ha illustrato la nascita del Consorzio di tutela della Cipolla Rossa, avvenuta nel 2008 e operativa dal 2009. Ha quindi parlato della cipolla, prodotto unico, dalle caratteristiche eccellenti e che deve solo essere conosciuta anche in Europa.

II direttore Saturnino, in seguito, ha descritto ciò che rende unica la cipolla rossa di Tropea, compresa la sua caratteristica di essere afrodisiaca, nonché la quantità del prodotto che ha toccato i mercati. Giacomo Giovinazzo, del dipartimento regionale Agricoltura, ha messo il evidenza il terzo posto della cipolla in Italia per produzione certificata, e l’attenzione della Regione verso il prodotto che è stato l’elemento per l’Expo insieme al bergamotto. La certificazione Igp, ha proseguito, «significa che questo prodotto è unico perché riesce ad esprimere un’intera fascia».

E’ intervenuto, poi, Mauro D’Acri, consigliere regionale, che si è soffermato sul Psr Calabria 2014-2020, quasi tutto pronto, ed ha sottolineato che, sin dal mese di febbraio, si è cercato un contatto con i produttori al fine di studiare il territorio, ridisegnandolo e inserendo anche la filiera mono-tematica, come è quella relativa alla cipolla. Si è pertanto rivolto alla stampa nazionale presente, affinché venga divulgata, attraverso le loro testate, la bontà della cipolla. «Siamo famosi in tutto il mondo per due cose – ha aggiunto – per Tropea e per la cipolla rossa». Pur non di meno, c’è bisogno di altro lavoro affinché questo nostro alimento conquisti ancora di più il mercato. II forum è proseguito con l’illustrazione di Borruso del nuovo sito sulla cipolla curato da Tecnofficina.

E’ quindi intervenuto il consigliere regionale Michele Mirabello evidenziando che quando si lavora in sinergia, mettendo al centro la qualità, i risultati arrivano. Infine, sono intervenuti Giuseppe Saraceno e i giornalisti che hanno espresso il loro punto di vista in merito alla cipolla e alla sua valorizzazione. Coro unanime, restare un prodotto di nicchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *