Mauro D'Acri

Da Gazzetta del Sud – II Piano di sviluppo rurale sarà lo strumento decisivo

Da Gazzetta del Sud – II Piano di sviluppo rurale sarà lo strumento decisivo

Da Gazzetta del Sud – II Piano di sviluppo rurale sarà lo strumento decisivo

Da Gazzetta del Sud del 7 luglio 2015, edizione di Cosenza a firma di Rosanna Caravetta

Ad Acri tavola rotonda sul tema dell’agricoltura in crisi. Conservando la biodiversità ci si libera dalle multinazionali che creano colture che niente hanno a vedere con la natura. Il segretario Pd Carmine Le Pera ha indicato l’obiettivo del Psr: progetti per giovani Rosanna Caravetta

ACRI Si è tenuta nei giorni scorsi la tavola rotonda sul tema “Agricoltura è sviluppo” alla quale – organizzata dal circolo Pd di Acri a Palazzo Sanseverino Falcone – ha partecipato anche il consigliere regionale Mauro D’Acri, esperto della materia.

PSR 2014-2020

PSR 2014-2020

Al centro del dibattito, nel corso del quale si sono susseguiti interventi e prese di posizione molto stimolanti – il Piano di sviluppo rurale che sarà strumento decisivo per l’agricoltura regionale e anche e soprattutto locale.

Il segretario del Pd Carmine Le Pera ha indicato l’obiettivo del Psr, ovvero più di 400 progetti per i giovani agricoltori e per la riqualificazione imprenditoriale dedicata all’efficienza e alla competitività delle imprese agricole e agroalimentari. Il Psr Calabria finanzierà infatti 402 nuovi giovani agricoltori per un totale di più di 14 milioni di euro.

«Nuova linfa – ha detto Le Pera – per un’agricoltura che sembrava essere abbandonata a se stessa esaurendo così la graduatoria dell’annualità 2013». Della necessità di sviluppare un’agricoltura in armonia con il territorio e soprattutto con il paesaggio ha parlato la consigliera comunale del Pd Maria Mascitti, attenta a tutto ciò che è rispetto e tutela dell’ambiente: «Rendersi disponibili alla conservazione della biodiversità dando vita ad una agricoltura unica – ha spiegato – libera dalla multinazionali che, attraverso manipolazioni genetiche, creano colture che niente hanno a che vedere con la natura e l’agricoltura locale e regionale. E’ necessario preservare le nostre risorse idriche, i nostri boschi e le nostre colture. Infatti l’Europa ci invita, con i nuovi Pac 2014/2020, ad essere agricoltori immersi nel verde attraverso il Premio greening».

Tutto questo processo verso un maggiore sviluppo dell’agricoltura può essere reso più facile se si alleggerisce la burocrazia. Aspetto a cui ha accennato Danilo Cofone, membri del direttivo cittadino del Pd: « Una burocrazia che spesso infanga le procedure di accesso ai finanziamenti penalizzando le aziende che, al contrario, hanno necessità di liquidità per poter allargare i propri mercati».

Prima di dare la parola al consigliere regionale D’Acri, Luigi Caiaro, della segreteria Pd, ha voluto soffermarsi invece su quella che è l’agricoltura biologica insistendo nel ribadire come è sempre più urgente la necessità di incentivarla.

«Le colture biologiche della Calabria incidono per oltre il 10% sulle complessive coltivazioni biologiche italiane. In pratica, quasi un quarto della superficie agricola calabrese è coltivata utilizzando un sistema di gestione sostenibile – ha spiegato Caiaro – che deve essere ulteriormente aumentata. Anche noi, nel nostro territorio vantiamo la presenza di aziende certificate biologiche».

Focus – Le conclusioni dell’incontro sono state affidate al consigliere regionale Mauro D’Acri: «Un nuovo importante risultato è stato ottenuto in questa direzione poiché – ha informato D’Acri – la Regione ha chiesto e ottenuto la collaborazione dei Gruppi d’azione locale calabresi nella stesura del nuovo Psr 2014/2020 al fine di formulare un piano di sviluppo che rispecchiasse le vere necessità dei territori. La comunicazione e la condivisione sono stati alla base della stesura del Psr – ha proseguito il consigliere – e sarà la base per poter accedere, dopo l’approvazione di Bruxelles, ai finanziamenti. Massima attenzione, pertanto, ai territori attraverso i Gal».

Lo sviluppo dell’agricoltura, insomma, va ancorato a precise regole di buonsenso e genuinità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *